Data e ora:

Un ricordo di Remo Sayour (1951-2018)

(Contributo di Alessandro Pompa, Ariccia, 03/09/2018)

Amiamo il nostro gioco. Giochiamo, organizziamo, diffondiamo. Giocatori, Dirigenti, Organizzatori, Istruttori o Arbitri.

Questo ci dà competenze e padronanza tecnica, ma non ci aiuta purtroppo a essere umili, modesti, maieutici con i bambini e coi giocatori dei quali dirigiamo le gare. Se non li sai prendere, è dura… E la stessa cosa è per noi. La cruna dell’Ego è strettissima. Per questo, Istruttori e Arbitri non fanno capo a una Società, ma rappresentano direttamente la nostra Federazione: al di sopra di tutti.

Remo non era un Maestro di scacchi, e lo sapeva; ma i veri Maestri sono coloro che hanno coscienza dei propri limiti: quelli che sanno di non sapere, e i Maestri li cercano, per poterlo un giorno diventare anche loro. In meno di 15 anni, Remo ha scritto pagine indimenticabili. Con Tina Giaffreda creò il miracolo del Circolo Scacchi Rocca Priora, ingiustamente affossato da spese insostenibili per un’Associazione al servizio dei cittadini, soprattutto i più piccoli, in un paese bellissimo, ma spesso isolato dal mondo nella brutta stagione, eccezionale bene comune, educativo, organizzativo e tecnico insieme, che non rimpiangeremo mai abbastanza.

Mi resi conto della sua statura quando a Roma, da amici, ci interrogammo a vicenda in attesa, con altri navigatissimi arbitri, degli esami da Arbitro Nazionale: io, giocatore “esperto” con 35 anni di carriera e mille battaglie (ed errori) alle spalle; lui dilettante puro, ma vero innamorato del gioco… Il meno “esperto”, il meno “bravo” a giocare si rivelò il migliore di tutti e impressionò i Commissari d’Esame.

Preparatissimo, serio, gentile, puntuale, elegante, si fece subito apprezzare moltissimo lasciando in noi giocatori l’incancellabile impronta della sua signorile modestia. Divenuto con abnegazione fiduciario degli Arbitri nel Lazio, fece miracoli in una situazione difficilissima, con gli arbitri ridotti al lumicino. Quando dovetti sospendere l’attività nel 2014, e glielo scrissi, mi inviò poche splendide righe di speranza, dispiaciuto che avessi già scritto in Federazione.

Scelse di mettersi in gioco anche come agonista, con risultati importanti. 

“Poesia di un’età che non ritorna”… Incoraggiavi e aiutavi a crescere tutti. Noi non dimentichiamo. Addio, Remo, caro esempio per tutti. Ti portiamo dentro.

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

Siti Nazionali e Gemellaggi

- Federazione Scacchistica Italiana: www.federscacchi.it

- Federazione Italiana Dama: www.fid.it

- Federazione Nazionale Gioco Go: www.figg.org

- Federazione Nazionale Gioco Othello: www.fngo.it

- UISP Scacchi: www.uisp.it/scacchi/

Informazioni

Via Nino Costa, 40 - 00072 Ariccia (RM)
06-87615498 (ore serali)
asd.quattrotorri@gmail.com
https://it-it.facebook.com/quattrotorri
Feed RSS



 

© 2016 - 2019 - ASD Quattro Torri - Webmaster: Alessio Richichi

Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per la migliore navigazione degli utenti.